Collare o pettorina per i nostri amici a quattro zampe?

Collare o pettorina per i nostri amici a quattro zampe

Ecco come scegliere lo strumento da passeggio ideale

Se è per voi giunto il fatidico momento di condurre fuori il vostro nuovo amico domestico, il primo interrogativo che vi starete sottoponendo è di certo quale guinzaglio utilizzare allo scopo.

Meglio la pettorina o il collare?

Quale tra essi si rivela più adatto a tutelare il nostro cane e, allo stesso tempo, educarlo a camminare in maniera corretta? La scelta non è semplice e dare una risposta esauriente senza cadere in generalizzazioni è arduo, ma non impossibile.

Allo scopo è sufficiente esaminare i vantaggi dell’uno e dell’altro “strumento da passeggio” e verificare, sulla base delle caratteristiche fisiologiche (quindi età, peso, altezza) e caratteriali del cane (sulle quali grande influenza è esercitata dal tipo di razza), quale possa rispondere alle preferenze e dall’uso che se ne intende fare.

Pettorina: modalità d’uso e caratteristiche

pettorina pelle per cani rosaPartiamo dal presupposto che sia i collari che le pettorine devono essere scelti in modo da tener conto, principalmente, del benessere fisico e mentale del proprio cane, nonché di caratteristiche, quali praticità e facilità di utilizzo, che vanno invece a vantaggio del padrone.

A tutto ciò fa da corollario la necessità di educare il cane durante le sue passeggiate in luoghi pubblici.

Detto ciò, c’è da dire che la pettorina si rivela di certo meno coercitiva rispetto al collare: quest’ultimo, infatti, va a scaricare sul collo del cane -una delle sue zone più sensibili- ogni eventuale strattone.

Viceversa, la pettorina, come è facile intuire, è leggermente meno pratica rispetto al collare e il suo utilizzo risponde in maniera meno efficace in termini educativi, non garantendo un arresto tempestivo pari a quello che si ottiene con l’uso del collare.

Collare: ecco come rispondono al loro utilizzo

Collare e guinzaglio per cane Il collare si rivela, come anticipato, più efficace della pettorina al fine di mantenere il controllo da parte del padrone e la ragione è da rinvenire anche nell’etologia del cane, il quale, per sua natura appunto, si avvale della presa al collo proprio per procurarsi il rispetto dei suoi simili.

Il classico strattone al collo esercitato da noi umani con il guinzaglio, operato in maniera assolutamente inconsapevole, rappresenta un potenziale straordinario, dal punto di vista educativo.

Il fatto è che non sempre questo gesto è compiuto in maniera ragionevole e ponderata, e viene messo in atto anche quando non è opportuno o quale freno inibitorio di esigenze fisiologiche avvertite dal cane.

Ne consegue che la funzione assolta dal collare è da prediligere solo se nel relativo utilizzo non vi fa ingerenza la fretta o la negligenza, altrimenti può rappresentare un potenziale strumento di tortura per il nostro amico a quattro zampe.

Dal punto di vista del padrone, il collare risulta di certo più pratico da mettere e togliere, ma, come anticipato, le esigenze di praticità tipicamente umane non possono andare a detrimento del rispetto e del benessere fisiologico e psichico dei nostri animali domestici.

Sul mercato oggi esistono diversi tipi sia di pettorine che di collari: quello che conta è la qualità dei materiali utilizzati, che fanno davvero la differenza in termini di funzionalità, praticità e benessere.

Alcuni di essi, quali, in particolare, le pettorine per cani di piccola taglia TheLux, una delle aziende leader in tutta Italia nel settore degli accessori per cani, sono concepiti proprio per minimizzare, con grandi risultati, i potenziali difetti che tale categoria di prodotti inevitabilmente -in quanto strumenti pensati per il controllo e l’addomesticamento dei cani- reca generalmente con sé.

Scegliere prodotti di qualità anziché accontentarci dei primi accessori di fortuna è un must se vogliamo trasformare la nostra passeggiata con il cane in un’esperienza sana e piacevole, ma anche educativa, senza ritorsioni per nessuno.

L’educatore cinofilo risponde

“Qualunque sia la vostra scelta il guinzaglio o la pettorina vanno sempre utilizzati nelle zone con traffico e dove ci possono essere distrazioni che portano il vostro cane ad allontanarsi.

Io sono sono più favorevole all’uso della pettorina rispetto al collare perché il cane si sente meno costretto e impara più volentieri ad andare anche al guinzaglio: la pettorina è consigliabile per tutti i cani ma per quelli di taglia medio-piccola io è indispensabile.”

Martina (Istruttore Cinofilo) – Allevamento Lagotto Romagnolo Valle dei Medici