Home » BLOG » Cani da caccia al cinghiale

Indice dell’articolo:


Cani da caccia al cinghiale: basi di partenza!

Se sei un amante della caccia e stai cercando dei cani da caccia al cinghiale è arrivato il momento per te di conoscere le razze più famose e il loro addestramento!

Nonostante molti cani da caccia abbiano un grande istinto per seguire la preda, per avere un perfetto alleato devi passare necessariamente un periodo di addestramento con il cane che lo impegnerà fin dai suoi primi mesi di vita.


Le razze di cani da caccia al cinghiale più famose

Dachshund

Bloodhound

Segugio dell’Appennino

Segugio Maremmano

Griffon Bleu di Gascogne

Beagle

Una volta scelto il tuo fedele quattro zampe, per prima cosa dovrai sicuramente osservare i suoi primi comportamenti. Noterai presto se avrà o meno la predisposizione nell’inseguire la preda.

C’è da dire che qualsiasi cane da cinghiale sceglierai, ti garantirai di certo un cane forte, tenace e con un olfatto pazzesco!

Nota:
Hai già scelto il nome per il tuo segugio? Se così non fosse potrebbe interessarti questo articolo sui “nomi per cani da caccia”!


Le fasi della caccia

Nella caccia al cinghiale esistono quattro fasi differenti:

  • la cerca – valuti la superficie in cui avverrà la battuta di caccia
  • l’accostamento – tu e il tuo cane da caccia vi avvicinate al cinghiale
  • lo scovo e l’inseguimento – il cane direziona la preda verso il luogo in cui ti troverai tu di modo da permetterti una caccia il più facile e veloce possibile.


L’addestramento dei cani da caccia al cinghiale

L’addestramento dei cani da caccia al cinghiale non è né rapido né facile (ci vuole infatti tanta costanza) ma… ti darà tante soddisfazioni!

I comandi di base

Prima di iniziare l’addestramento, devi sapere che è fondamentale creare un bel rapporto con il tuo amico peloso, devi giocarci e farlo abituare alla tua presenza in maniera spontanea.

Il tuo obiettivo? La sua felicità!

In questa, come nelle successive fasi, il tuo ruolo diventerà sempre più importante, sei tu infatti che dovrai dargli i giusti stimoli e attenzioni durante l’addestramento.

Come detto all’inizio dell’articolo, l’addestramento del tuo fido inizierà praticamente da subito (circa a tre mesi di vita).
I primi comandi che dovrai insegnarli saranno ovviamente quelli basici come:

  • la chiamata,
  • l’andare avanti
  • o indietro.

All’inizio questi esercizi ti sembreranno un po’ banali ma in realtà sono fondamentali per creare il giusto rapporto. Riuscire a comandare il tuo amico peloso nel momento del bisogno potrà determinare il successo o l’insuccesso della tua battuta di caccia.


Dal recinto al campo ed è subito azione!

A questo punto dovresti avere un cucciolo forte e abbastanza ubbidiente.

Il suo premio? La fase successiva: il suo primo recinto e le piccole prede liberate all’interno!

Il legame instaurato nelle settimane precedenti risulterà essere un valido alleato in tutte quelle fasi dove i cani da caccia al cinghiale, mossi dai propri istinti da cacciatori, tenderanno a non ascoltare sempre i richiami.

Con l’avanzare dell’età il cucciolo darà sempre più valore alla tua figura, così facendo potrai ampliare i recinti e utilizzare prede sempre più difficili da cacciare.

Nel giro di poco tempo arriverà poi il gran giorno, quello dell’avvicinamento (al guinzaglio!) al suo primo cinghiale. L’avvicinamento ti farà capire il suo carattere, la sua vera predisposizione. Mostrerà paura o tenterà l’avvicinamento al cinghiale?

Questa fase di “primo approccio” dovrebbe essere ripetuta più volte con intervalli di almeno trenta minuti di modo da osservare il suo comportamento e adattamento al cinghiale.

Quando il segugio avrà dimostrato sufficiente tenacia sarà pronto per affrontare il cinghiale in completa autonomia. Fuggirà perché non sarà più supportato dal padrone? O riuscirà a gestire le tensioni del cinghiale? Se dopo numerosi tentativi non dovesse superare la prova (perché troppo impaurito o troppo aggressivo), potrebbe essere il caso di allenarlo verso un’altro tipo di cacciagione.

Il tuo cane da caccia al cinghiale è riuscito a superare la prova? Bene, in questo caso dovrebbe avere circa otto-nove mesi di vita ed essere finalmente pronto ad affrontare la sua ultima lezione:

lasciare il recito e fare posto alla caccia sul campo!

A questo punto sarete entrambi euforici ma la scelta del primo “campo prova” non è da prendere sotto gamba. Bisognerà scegliere un luogo con bassa vegetazione di modo da tenere sotto controllo sia il cane che le tracce delle prede.
Provate tante volte insieme ad inseguire la selvaggina di modo da acquisire quanta più esperienza possibile.

Lo sparo

Un’altra cosa da considerare durante l’addestramento di cani da caccia al cinghiale è lo sparo.
Per evitare tensioni e paure del tuo pelosetto, devi abituarlo in maniera graduale allo sparo durante il suo processo di crescita.

Potresti ad esempio inizialmente utilizzare una pistola a salve sparando da una distanza considerevole, avvicinandoti poi sempre più al tuo cane. Cerca di fare in modo che capisca questi segnali, magari con dei premi quando si comporta in maniera corretta.


Avvertenze

La caccia è pericolosa e lo sarebbe ancor di più mandando in azione un cane da caccia al cinghiale inesperto.

Il segugio deve seguire il padrone ed avere un fortissimo legame con te. Senza queste due condizioni rischieresti solo di causare dei problemi a te e al cucciolo!

Ora puoi goderti il tuo segugio addestrato, fedele e dal super olfatto!

Se ti è piaciuto l’articolo, entra nel gruppo THELUX per Novità e Promozioni e ricevi SUBITO GRATIS il Regalo per te ed il tuo cucciolo!